Maurice Louca, musicista e compositore egiziano nato a Il Cairo, è uno degli artisti più emozionanti della scena musicale alternativa in tutto il mondo arabo di oggi.

Il suo album di debutto da solista "Garraya" acclamato dalla critica è stato pubblicato nel 2011 dall'etichetta de Il Cairo 100COPIES. Il critico musicale egiziano Ali Abdel Mohsen l'ha poi descritto come un 'lavoro di profonda intensità' e ''bellezza inaspettata'. Da allora Louca ha prestato il suo formidabile sound a numerosi progetti componendo per teatro, film e visual-artists contemporanei.

Dopo anni di collaborazioni e spettacolari viaggi in tutta Europa e nel mondo arabo, Louca ha anche ricercato un sound più ricco, spinto e complesso. Dopo due anni di preparazione, "Benhayyi Al-Baghbaghan (Salute the Parrot)", distribuito da Nawa Recordings nel 2014, è il risultato di questa intensa reinvenzione e rappresenta il suo lavoro più originale fino ad oggi.

Il suo peculiare vortice di ritmi basati su percussioni si intreccia senza intoppi con strati di composizioni improvvisate e coerenti, rese da molti artisti arabi e internazionali come Alan Bishop (Sun City Girls, Alvarius B.), Sam Chalabi (Land of Kush, Shalabi Effect), Tamer Abu Ghazaleh (Solo Artist/Alif), Khaled Yassine (Anouar Brahem/Alif) e le voci di Egyptian Mahraganat MCs Amr 7a7a e Alaa 50, per citarne acuni.

Ispirandosi a molte influenze, da psichedelico a shaabi egiziano, Louca rompe i confini dell'etichettatura musicale e culturale.

 

Privacy Policy

Newsletter Dancity Festival

* indicates required